Arezzo - Racing Roma - ss racing roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arezzo - Racing Roma

UN RIGORE DI MOSCARDELLI STENDE IL RACING

Con Vona fermo ai box dopo l'infortunio patito con la Robur Siena, Giannichedda sceglie di affidarsi all'esperienza di Vastola per guidare un reparto difensivo a tre, completato dall'ex di turno Macellari e da Giura. Nel centrocampo a cinque, Selvaggio e Proietti sono gli esterni, con Shahinas e Maestrelli ai lati di Massimo. Ricciardi e De Sousa i riferimenti offensivi. Classico 4-4-2 per l'Arezzo di Sottile, che al 6' produce la prima palla gol sugli sviluppi di un corner calciato da Masciangelo sul quale Moscardelli devia di testa, trovando attento Savelloni che respinge. La risposta della Racing Roma è affidata alla discesa di Selvaggio sulla destra, cross teso dell'esterno di Giannichedda con Benassi che anticipa il possibile inserimento di De Sousa. Dopo un tiro dalla distanza di Massimo al 27', bloccato da Benassi, l'Arezzo aumenta la pressione e al 35' ci prova, ancora da palla inattiva, con Moscardelli. L'ex Lecce impegna severamente Savelloni direttamente da calcio di punizione, con il numero 1 dei gialloverdi che riesce ad alzare sopra la traversa. Allo scadere l'episodio che sblocca la gara: Masciangelo entra in area, perde contatto col pallone e si scontra con Macellari. Per Andreini, però, è calcio di rigore. Moscardelli dal dischetto non sbaglia e porta in vantaggio i suoi. Nella ripresa la Racing dimostra di aver preso le misure agli avversari, riuscendo inoltre a rendersi pericolosa con più costanza. Al 79' chance per Shahinas che, sull'errore in disimpegno di Sirri, si libera al tiro dal limite dell'area, blocca Benassi. Un minuto più tardi Massimo trova il corridoio giusto per servire De Sousa, la conclusione del capitano gialloverde viene deviata in corner dal portiere aretino. Nel miglior momento della Racing, l'Arezzo trova due folate che potrebbero chiudere la partita: la prima, all'83', con la girata alta di Moscardelli; la seconda all'88' con il mancino di Erpen (entrato un quarto d'ora prima) deviato in corner da Savelloni.
Nei 3' di recupero la Racing Roma non riesce a portare l'assalto alla porta di Benassi e così l'Arezzo conquista tre punti grazie al discusso calcio di rigore trasformato da Moscardelli a fine primo tempo.





HIGHLIGHTS

LEGA PRO – GIRONE A
9^ GIORNATA
AREZZO-RACING ROMA 1-0
AREZZO (4-4-2): Benassi, Luciani, Muscat, Sirri, Masciangelo; Arcidiacono (73' Erpen), Foglia, De Feudis, Yamga; Polidori (65' Corradi), Moscardelli.
A disp.: Garbinesi, Sabatino, Solini, Milesi, Grossi, Demba, Ba, Bearzotti, Borra, Rosseti
All. Sottili

RACING ROMA (3-5-2): Savelloni, Macellari, Vastola, Giura; Selvaggio, Shahinas, Massimo, Maestrelli (65' Di Gioia), Proietti (83' Muzzi); Ricciardi (55' Taviani), De Sousa.
A disp.: Lazzari, Capanna, Steri, Calabrese, Caputo, Loglio.
All. Giannichedda

ARBITRO: Sig. Andreini (Forlì)
ASSISTENTI: Sigg. Avalos (Legnano) - Teodori (Fermo)
MARCATORI: 45' Moscardelli (A, rig.),
NOTE: Ammoniti: Shahinas, Giura (RR); Corner: 8-3; Recupero 1’pt; 3’st.


CONFERENZA STAMPA

 
Torna ai contenuti | Torna al menu