Giana Erminio - Racing Roma - ss racing roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giana Erminio - Racing Roma

UN ALTRA SCONFITTA PER LA RACING

Giannichedda conferma il 3-5-2 per la trasferta in Lombardia con la Giana Erminio, operando un solo cambio rispetto alla formazione opposta una settimana fa alla Carrarese. In difesa, infatti, si rivede Vona, che nello scacchiere tattico prende il posto che era stato di Proietti, squalificato per un turno. Albè, che ritrova Bruno, deve rinunciare a Okyere, sostituito con Ferrari. La scelta di quest'ultimo si rivelerà fortunata, perchè è il numero 25 a sbloccare il match al 12' direttamente su calcio di punizione: la parabola, disegnata col mancino da posizione defilata, viene sfiorata da Savelloni, con la palla che bacia la traversa prima di depositarsi in rete. Eppure l'avvio della Racing Roma non era stato remissivo, anzi, la squadra capitolina aveva provato fin dall'inizio a rendersi pericolosa sfruttando le corsie affidate a Capanna e Selvaggio. E' proprio su questo asse che i capitolini avevano costruito la miglior palla gol del primo tempo, con il tiro di Selvaggio neutralizzato in due tempi da Sanchez. La parata di Savelloni su Rocchi al 19' è un campanello d'allarme per la Racing che precede la seconda marcatura dei padroni di casa. Al 26' Greselin, servito da Ferrari, entra in area, si sposta palla sul sinistro e batte il numero uno avversario. La Giana, grazie anche alla qualità di Pinardi in mezzo al campo, riesce a gestire senza affanno il possesso e la reazione della Racing Roma, che chiude la prima frazione con un'interessante ripartenza di Maestrelli che libera al tiro Ricciardi dopo la sponda di De Sousa. Il tentativo dell'ex Tuttocuoio, però, termina sul fondo. La ripresa si apre con un doppio cambio: dentro Giura e Calabrese per Maestrelli e Shahinas. Il modulo resta lo stesso, ma Vastola e Ricciardi vengono collocati sulla linea dei centrocampisti e Calabrese diventa il riferimento offensivo assieme a De Sousa. Con queste mosse Giannichedda riesce a trovare un equilibrio duraturo, capace anche di consentire alla Racing Roma di creare qualche pericolo come al 65', con Calabrese che viene liberato in area dal suggerimento di Ricciardi, impegnando Sanchez che di piede respinge in corner. La seconda occasione capita ancora sul destro del numero 9, la cui conclusione dal limite dell'area si spegne sul fondo. La Giana, accontentatasi di gestire il doppio vantaggio, torna a pungere allo scadere, con un recupero palla di Marotta ai 20 metri e il seguente filtrante per Bruno che, di sinistro, batte Savelloni fissando il risultato sul definitivo 3-0, trovando il sesto gol personale in stagione. Da martedì la squadra tornerà al lavoro per preparare l'impegno casalingo contro la capolista Alessandria.


LEGA PRO – GIRONE A – 11^ GIORNATA
GIANA ERMINIO-RACING ROMA 3-0

GIANA ERMINIO (3-4-1-2): Sanchez, Perico, Rocchi, Solerio; Iovine, Pinardi (74' Biraghi), Marotta, Augello; Greselin (87' Pinto); Bruno, Ferrari (61' Perna).
A disp.: Capaccio, Chiarello, Bonalumi, Lella, Capano, Sosio, Montesano
All. Albè
RACING ROMA (3-5-2): Savelloni, Macellari, Vastola, Vona; Capanna, Shahinas (46' Calabrese), Massimo (74' Di Gioia), Maestrelli (46' Giura), Selvaggio; Ricciardi, De Sousa.
A disp.: Lazzari, Steri, Muzzi, Taviani, Caputo, Loglio, Bochicchio.
All. Giannichedda

ARBITRO: Sig. Nicoletti (Catanzaro)
ASSISTENTI: Sigg. Cataldo (Bergamo) - Ceccon (Lovere)
MARCATORI: 12'  Ferrari, 26' Greselin, 90' Bruno
NOTE: Ammoniti: Shahinas, Calabrese (RR), Perna (GE); Corner: 7-2; Recupero 0’pt; 2’st.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu