Piacenza - Racing Roma - ss racing roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Piacenza - Racing Roma

COLPO RACING

A tre settimane dalla sfida con il Pro Piacenza, la Racing Roma di Giannichedda torna al “Garilli” per affrontare il Piacenza di Franzini. Il tecnico dei gialloverdi ha l'infermeria piena: sono rimasti a Roma il centrocampista Massimo e gli attaccanti Taviani e Muzzi, oltre a Calabrese, con la punta costretta a due turni di stop per l'espulsione rimediata a Olbia. In difesa si rivede dal primo minuto Vona, mentre sulla mediana spazio a Giura al posto di Proietti (con Selvaggio che si sposta sulla fascia sinistra) e davanti a Shahinas che fa coppia con capitan De Sousa. La partita, aperta dal minuto di silenzio in commemorazione delle vittime del disastro aereo che ha coinvolto i brasiliani della Chapecoense, sorride subito agli ospiti. Al 5' Shahinas contende una palla in area di rigore, la sfera arriva a De Sousa che calcia a rete trovando l'opposizione col braccio destro di Pergreffi. Per De Angeli non ci sono dubbi, è rigore. Sul dischetto si presenta lo stesso De Sousa che, al cospetto di Pelizzoli (155 presenze in serie A), sfodera un cucchiaio vincente che vale il vantaggio della Racing Roma e il quinto sigillo personale per il numero 10. Tuttavia, la partita dell'attaccante è destinata a finire qui, per un guaio muscolare. Al suo posto entra Loglio, che impiega dieci minuti per apporre la propria firma sul match. E' il 20' quando Steri, da oltre 30 metri, mette la palla alle spalle dei due centrali del Piacenza, Loglio sfrutta il suggerimento controllando col petto e battendo col sinistro Pelizzoli in uscita. Il Piacenza si fa vedere per la prima volta al 26', con un cross dalla sinistra di Agostinone per l'inserimento di Franchi che, di testa, chiama al prodigio Savelloni, che con la mano sinistra devia in corner. Dopo un'altra occasione costruita da Franchi e finalizzata da Matteassi (chiuso in corner ancora da Savelloni), il Piacenza trova la rete che accorcia le distanze. Hraiech sulla destra trova lo spazio per servire Matteassi, cross per Razzitti e girata vincente a pochi passi dalla linea di porta. La ripresa si apre senza sostituzioni e con un Piacenza che attua un forcing pazzesco per circa venti minuti. Fino al 65', infatti, i biancorossi tengono in mano il pallino del gioco, costruiscono diverse azioni pericolose (ancora decisivo Savelloni sul colpo di testa di Pergreffi) e conquistano un calcio di rigore per un contatto tra Maestrelli e Hraiech, spina nel fianco della retroguardia gialloverde con la sua velocità nello stretto. Dagli undici metri la storia però cambia, è la stessa porta in cui De Sousa ha segnato, ma altrettanto non riesce a Razzitti. L'ex Catanzaro incrocia il destro, Savelloni si allunga e respinge, blindando il vantaggio dei suoi. Non passa che un minuto e il Piacenza il gol del pari lo troverebbe anche, ma la girata di testa di Silva viene ribadita in rete sulla linea di porta da Franchi, che al momento della deviazione era in evidente fuorigioco. Rete non convalidata. Allora Franzini cerca di cambiare le carte in tavola rivolgendosi alla panchina, togliendo un centrocampista come Barba e inserendo un attaccante come Debeljuh, per dare maggior fisicità all'attacco biancorosso. Tuttavia, in soli 120 secondi dall'ingresso del numero 24, la Racing Roma torna al gol. Ripartenza velocissima di Selvaggio sulla corsia sinistra, Loglio segue l'azione e viene servito puntualmente, entra in area, mette a sedere Pelizzoli e segna. Di nuovo avanti di due gol, i capitolini riescono a gestire la pressione finale del Piacenza: prima, all'85', erigendo un muro sulla doppia conclusione di Taugordeau, poi andando a chiudere definitivamente il match al 91', grazie alla tripletta di Eduardo Loglio, attaccante classe 1997, che in una sola giornata ha trovato il primo gol tra i professionisti e la prima tripletta in Lega Pro. Sul risultato di 1-4 mister Giannichedda, che in precedenza aveva mandato in campo Capanna, concede l'esordio ad Auron Berisha, attaccante classe 1999 alla prima convocazione tra i pro. Dopo 3' di recupero, la Racing Roma può finalmente festeggiare il ritorno alla vittoria e anche la prima affermazione in trasferta di questo campionato. Tre punti che proiettano i capitolini a quota 11 in classifica, prendendo un margine di tre lunghezze sul Prato, ultimo (a quota 8), e accorciando su Lupa Roma e Tuttocuoio. I toscani saranno il prossimo avversario della Racing Roma, nel match infrasettimanale in programma mercoledì 7 dicembre allo stadio “Casal del Marmo” (fischio di inizio alle ore 16.30).









LEGA PRO 2016/2017 16ª GIORNATA
Stadio “Leonardo Garilli”

PIACENZA (4-3-3): Pelizzoli, Di Cecco, Silva (C), Pergreffi, Agostinone; Hraiech, Taugordeau, Barba (69' Debeljuh) ; Matteassi (85' Matteassi), Razzitti (74' La Vigna), Franchi.
A disp.: Kastrati, Miori, Abbate, Colombini, Castellana, Sciacca, Segre.
All. Franzini

RACING ROMA (3-5-2): Savelloni, Macellari, Vastola, Vona; Giura, Maestrelli, Ricciardi, Steri (74' Capanna), Selvaggio; Shahinas (93' Berisha), De Sousa (C) (10' Loglio)
A disp.: Lazzari, Proietti, Visconti, Caputo.
All. Giannichedda

ARBITRO: Paride De Angeli (Abbiategrasso)
ASSISTENTI: Antonio Catamo (Saronno) – Giovanni Manara (Mantova)
MARCATORI: 6' De Sousa (RR, rig.), 20' Loglio (RR), 40' Razzitti (P), 71' Loglio, 91' Loglio
NOTE: Ammoniti: Ricciardi, Vona, Maestrelli (RR), Pergreffi, Di Cecco, Silva, Matteassi, Hraiech (P) ; Corner: 21-2; Recupero 3’pt; 3’st





 
Torna ai contenuti | Torna al menu